I dialoghi di Ventotene

Eugenio Colorni e Altiero Spinelli, I dialoghi di Ventotene, a cura di Luca Meldolesi, Rubbettino, 2018

Di cosa si trattava, nelle forme e nei contenuti, “quello strano e straordinario dialogo” che nel 1939 Spinelli intrattenne con Colorni e che proseguì fino alla partenza di quest’ultimo da Ventotene? La risposta è svelata (in parte) da questi dialoghi “socratici” tra Altiero ed Eugenio, qui raccolti per la prima volta. Perché seguendo il loro rapporto è finalmente possibile avere un’idea concreta dell’evoluzione del confronto culturale tra questi due protagonisti del “gruppo ventotenico”, cioè di quella importante pagina di elaborazione teorica che si è sviluppata parallelamente al dibattito politico federalista che ha portato al “Manifesto di Ventotene”. È una ricerca intellettuale senza confini, che tratta temi cognitivi chiave relativi a numerose discipline (come sistemi, amore, filosofia, scienza, obiettivi e mezzi, antropomorfismo, economia, azione, successo, distacco) affrontati in una forma dialogica molto accessibile, che continuamente sfidano intellettualmente l’interlocutore (e il lettore) in modo spesso divertente. È un’impresa di apprendimento iconoclasta, liberatoria, fantastica che si sviluppa in condizioni quasi proibitive; e da cui, senza dubbio, tutti possiamo imparare molto.